Farisei nostri maestri. Un pregiudizio da superare

Capa
Àncora, 2003 - 154 páginas
1 Resenha
Falegnami, fabbri, calzolai, pescatori, guardie, muratori, tessitori, commercianti: questi erano nella vita di tutti i giorni i farisei. Membri di un movimento assai diffuso di rinnovamento del giudaismo, composto soprattutto da semplici "laici", i farisei ebbero un ruolo decisivo nel destino del popolo ebreo, tanto che il giudaismo attuale è frutto del farisianesimo, sopravvissuto alla distruzione di Gerusalemme del 70 d. C. Tutti i cristiani li conoscono grazie alle descrizioni che ne fanno i Vangeli, ma poco si sa in realtà di loro e della loro storia. Scritto da un cristiano e da un ebreo, questo libro vuole presentare la storia del farisianesimo attraverso fonti certe che mettono in risalto il fondamento spirituale dei loro insegnamenti.

O que estão dizendo - Escrever uma resenha

Comentário do usuário - Sinalizar como impróprio

Abbiamo perso la capacità di leggere i simboli, e siamo diventati analfabeti» (Paul Ricoeur). Celebrare un battesimo o ricordare il proprio, significa inoltrarsi in una foresta di simboli – ricchissimi di significati - che forse non ci dicono più nulla. Questo libro, scritto in stile semplice ed evocativo, prende il lettore per mano e lo aiuta a scoprire il valore umano e religioso dei gesti e dei simboli che, assieme alla Parola, costituiscono il rito del battesimo. Pagine che comunicano una sensazione di bellezza e di gioia. Occasione per riscoprire in modo nuovo la porta che introduce alla vita cristiana.
«Fariseo» nel nostro linguaggio ha una connotazione negativa, quasi sinonimo di «ipocrita». Ma chi erano veramente i farisei? Perché sono passati alla storia con un'immagine cosi distorta? Gli autori di questo saggio - un cristiano e un ebreo - dopo aver rimosso i venti secoli di incrostazioni culturali negative su queste figure, ne presentano il vero volto, che è fatto più di luci che di ombre. E si scopre cosi che i farisei - alcuni dei quali hanno un posto di tutto rispetto nel Nuovo Testamento, come è documentato nella terza parte deI volume - vanno rivalutati perché hanno ancora molto da insegnarci.
 

Informações bibliográficas